Io libera tra vecchie schiavitù

I potenti esistono sempre.

E coloro che li rendono tali, strisciandovi intorno, anche.

freed4 (2)A volte tendo ad illudermi che la società sia oggi più “libera”; si, ammetto questa mia ingenuità. Mi piace pensare che, al giorno d’oggi tutti abbiamo accesso, almeno in linea teorica, a tante possibilità, e il raggiungimento di certi obiettivi sia davvero alla portata di tutti. Mi piace pensare che possiamo varcare ogni soglia, anche senza essere figli di chi.

Continua a leggere “Io libera tra vecchie schiavitù”

Annunci

Un lunedì più lunedì degli altri

Un crescente brivido di freddo alle braccia e alla schiena, mi informa che il raffreddore incalza. Il piumino disteso e tirato sopra di me sembra un telo leggerissimo e provo ad ignoraremde il miagolio della gatta dietro la porta, che alle 4.35 del mattino reclama insistentemente la mia attenzione. Tra la voglia di rimanere a letto e il sempre più acuto miagolio di Cloe, anche questa volta è la tenace felina ad avere la meglio, e allora mi alzo provando le sensazioni che sicuramente prova chi, indossando un paio di shorts, viene catapultato in Antartide.


Continua a leggere “Un lunedì più lunedì degli altri”

Elasticità, chi è mai costei?

Giovedì, 8:55. Con i gomiti puntati sull’alto bancone e le mani a sorreggere il mento, aspetto che scocchino le 9:00 in punto, per essere autorizzata a formulare il mio quesito all’impiegato addetto all’ufficio.pi01

Nessun altro utente, oltre me, è presente. Ma in teoria neanche io lo sono: sono più o meno  un fantasma. L’impiegato è assolutamente inerte, non si sta occupando di niente, non sta interagendo con nessuno. Accomodato passivamente sulla sua sedia nera, lo sguardo nel vuoto davanti a sé, aspetta i minuti come si attende l’avverarsi di una profezia. Ed anche come se, ruotando il capo verso di me, presente ma neanche tanto in quella stanza, rischiasse la folgorazione.

Continua a leggere “Elasticità, chi è mai costei?”

Inaspettatamente

Inaspettatamente, davanti ai miei occhi si estendono le larghe foglie delle zucchine, si disperdono con i loro giovanissimi rametti, al di sotto ed intorno a tronchi, altre piante, pietre e terrazzamenti…. Inaspettatamente perché non più di 10 ore fa sono stata qui, ad osservare le gocce d’acqua che, dai tubi, lentamente dissetano le mie piantine. E, sempre inaspettatamente, all’ombra di quel fogliame largo, esteso  e uniforme come un tappeto, ho scorto le prime zucchine: ebbene si, ancora inaspettatamente, perché semplicemente ieri sera non c’era nulla e oggi le trovo già lunghe quasi 10 cm…

Continua a leggere “Inaspettatamente”

Grigio e opaco

Ci provo. Ci provo da anni. Tanti anni. Tra gli alti (momenti di inusitata forza ed ottimismo nei quali mi convincevo che non fosse poi tanto male) e bassi, molti di più (nei quali prendevo realisticamente nota del malessere, del senso di inadeguatezza, di quella periodica e ripetuta sensazione di restare indietro mentre tutto procede e si evolve).

Ci provo da quando era normale che tutto apparisse difficile ed inutilmente complicato.

Ci ho provato quando ho constatato che tutto continuava ad apparire  difficile ed inutilmente complicato, ma  Continua a leggere “Grigio e opaco”

Di declini e risvegli.

Distesa su un muretto di pietra e residui di erba tagliata, osservo il sole filtrato dai rami, in una delle prime giornate di questa primavera. Non mi disturbano le tante protuberanze del muretto, solitamente insopportabili, né i rametti a tratti spinosi. Mi godo questo sole che sembra già maturo, mentre la mia mente vaga, presa in un non insolito conflitto tra l’essere e il dover essere, tra il voler fare e il dover fare, con un timer nel fondo della coscienza pronto a ricordarmi che il riposo sta per terminare e sarà meglio darsi una mossa.

Continuo ad avvertire questa sensazione di nebbia della volontà.

Continua a leggere “Di declini e risvegli.”

Ho apprezzato una ipotesi

E’ una mattinata piuttosto frenetica e non amo ricevere chiamate, perché la fretta potrebbe farmi dare risposte inesatte; è già accaduto, perciò adesso, quando non sono pienamente concentrata, semplicemente evito di rispondere. Ma questo cliente mi fa un po’ tenerezza, insieme abbiamo affrontato uno dei casi più insopportabili che passano tra le mani di chi come me si occupa di diritto di famiglia: minori contesi e affidi negati, intervento di servizi sociali ed altre schifezze.

Gli sono venuta incontro sotto vari profili, lavorando e ricevendolo ad orari assurdi, accettando pagamenti pressoché nulli, per una questione di principio, la mia questa volta, non del cliente. Lo avrei assistito anche completamente gratis.

Continua a leggere “Ho apprezzato una ipotesi”