Io libera tra vecchie schiavitù

I potenti esistono sempre.

E coloro che li rendono tali, strisciandovi intorno, anche.

freed4 (2)A volte tendo ad illudermi che la società sia oggi più “libera”; si, ammetto questa mia ingenuità. Mi piace pensare che, al giorno d’oggi tutti abbiamo accesso, almeno in linea teorica, a tante possibilità, e il raggiungimento di certi obiettivi sia davvero alla portata di tutti. Mi piace pensare che possiamo varcare ogni soglia, anche senza essere figli di chi.

Continua a leggere “Io libera tra vecchie schiavitù”

Annunci

Una causa non si nega a nessuno

 

E niente. Ormai dopo tanti anni di esercizio della professione di avvocato, mi è totalmente chiaro: non riuscirò mai a far soldi con questo lavoro. Lo so, far soldi detto così può sembrare sporco, ma trovate voi un’espressione più soft, che a me non ne vengono in mente e, per la verità, neanche mi interessa cercarne.

Alcuni anni fa si presentò un cliente in studio, stanco di versare da oltre vent’anni un assegno divorzile alla moglie, che trovava mille escamotages per conservare il suo diritto. Continua a leggere “Una causa non si nega a nessuno”

Un lunedì più lunedì degli altri

Un crescente brivido di freddo alle braccia e alla schiena, mi informa che il raffreddore incalza. Il piumino disteso e tirato sopra di me sembra un telo leggerissimo e provo ad ignoraremde il miagolio della gatta dietro la porta, che alle 4.35 del mattino reclama insistentemente la mia attenzione. Tra la voglia di rimanere a letto e il sempre più acuto miagolio di Cloe, anche questa volta è la tenace felina ad avere la meglio, e allora mi alzo provando le sensazioni che sicuramente prova chi, indossando un paio di shorts, viene catapultato in Antartide.


Continua a leggere “Un lunedì più lunedì degli altri”

Elasticità, chi è mai costei?

Giovedì, 8:55. Con i gomiti puntati sull’alto bancone e le mani a sorreggere il mento, aspetto che scocchino le 9:00 in punto, per essere autorizzata a formulare il mio quesito all’impiegato addetto all’ufficio.pi01

Nessun altro utente, oltre me, è presente. Ma in teoria neanche io lo sono: sono più o meno  un fantasma. L’impiegato è assolutamente inerte, non si sta occupando di niente, non sta interagendo con nessuno. Accomodato passivamente sulla sua sedia nera, lo sguardo nel vuoto davanti a sé, aspetta i minuti come si attende l’avverarsi di una profezia. Ed anche come se, ruotando il capo verso di me, presente ma neanche tanto in quella stanza, rischiasse la folgorazione.

Continua a leggere “Elasticità, chi è mai costei?”

Perché il finale è sempre a sorpresa

Credo che resterà per sempre impresso nella mia memoria e le sensazioni che ne sono

MSDDEAD EC028

 derivate torneranno vive e vibranti tutte le volte che il ricordo riaffiorerà, il giorno in cui mi accorsi di aver errato una notifica, un errore enorme, in quel caso. Perché si trattava di un atto di appello da notificare entro un termine perentorio e la notifica errata fuori tempo limite significava, semplicemente, la improcedibilità dell’appello;

Continua a leggere “Perché il finale è sempre a sorpresa”

Grigio e opaco

Ci provo. Ci provo da anni. Tanti anni. Tra gli alti (momenti di inusitata forza ed ottimismo nei quali mi convincevo che non fosse poi tanto male) e bassi, molti di più (nei quali prendevo realisticamente nota del malessere, del senso di inadeguatezza, di quella periodica e ripetuta sensazione di restare indietro mentre tutto procede e si evolve).

Ci provo da quando era normale che tutto apparisse difficile ed inutilmente complicato.

Ci ho provato quando ho constatato che tutto continuava ad apparire  difficile ed inutilmente complicato, ma  Continua a leggere “Grigio e opaco”

Soffocati sussurri di vita

 

DSC_1638

Stamattina ho bisogno di guardare il cielo, col suo azzurro intenso e lontanissimo, mentre batuffoli spumeggianti lo attraversano velocemente, incalzati dal vento operoso di primavera.

Stamattina ho bisogno di far scorrere le mie dita sulla pelle rugosa e muschiata del grande gelso, affondarle nei solchi che percorrono il tronco massiccio e incontrare i piccoli operai della natura.

Continua a leggere “Soffocati sussurri di vita”