Ciondolare inconcludente

Arriva, lungamente attesa, la bella stagione e io mi ritrovo a vivere queste giornate esattamente nello stesso modo in cui le ho vissute gli altri anni, un modo del quale poi, sistematicamente, mi sono pentita. Nei giorni più impegnati, lamentandomi di non poter godere del bel sole; nei giorni più liberi, trascinandomi per casa senza un accenno di motivazione, dedicandomi all’ordinario che, se trascurato anche solo per un giorno, rischia di travolgermi come una valanga per svariate settimane successive.

Quello della mancanza di motivazione e dell’agire sulla mera, inerte, spinta della necessità e della doverosità, sta un po’ diventando il leit motiv della mia vita e ne sono consapevole. Ma questa consapevolezza non è sufficiente a darmi la spinta al cambiamento. Ultimamente, anzi, mi sono persino decisa a far pace con lo status quo, non per un rigurgito di entusiasmo, ma nei termini di supina rassegnazione; ma il minimo cambiamento, quello del “cosa potrei fare per rendere straordinaria questa giornata?” dovrebbe essere sempre lì a vibrare nella testa e nelle mani.

E invece nulla… Nella testa vibra soltanto la mia ipocondria, inseparabile compagna di viaggio, ormai. Che ho cercato di abbandonare, posteggiare, al limite anche solo ingannare, nei miei svariati tentativi di divincolarmi, salvo poi ritrovarmela nella borsa, come il più prevedibile dei giochi di prestigio di un mago scadente.

Rifiuto l’immagine di me che vedo in questo specchio. Non sopporto l’idea che questa ameba possa aver preso il posto di quella persona costruttiva e piena di progetti che, ok,  non si piaceva per tante cose, ma aveva sempre il piano B.

Oggi questo sole d’estate che dovrebbe essere lì proprio per me, che è sempre stato lì proprio per me, rimane fuori dalla finestra, chissà se si chiede perché non lo lasci entrare.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri a cas(acci)o. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ciondolare inconcludente

  1. newwhitebear ha detto:

    era tempo che non leggevo nulla e questo post mi rallegra. Mi piace meno la tua rassegnazione senza lottare per raggiungere un obiettivo.

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...