Archivi del mese: agosto 2015

Ricominciare. O riprendere. Ma anche no.

Ci siamo, è tempo di rientro ed è tempo di contrastare la ricorrente considerazione che, si, le vacanze non durano mai abbastanza. Probabilmente quest’anno ho recepito anche troppo in profondità il suggerimento di staccare la spina ed il risultato è … Continua a leggere

Pubblicato in Lavori forzati | Contrassegnato , , | 3 commenti

Ricordi dallo zaino

Ci sono percorsi destinati a rimanere paralleli, altri possono occasionalmente incrociarsi, in un attimo e per un solo attimo. La polvere si confonde, gli sguardi si attraversano, le anime si sfiorano, la pelle si tocca. Per un attimo o poco più. … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti al sole | Contrassegnato , , , , | 7 commenti

Vicino al ficodindia

Seguo con lo sguardo il profilo della collina, in direzione del mio balcone, quel profilo che potrei ricalcare a memoria, con un dito o con una matita. Il dolce declinare della collina, a seguirlo con il dito, si increspa, in … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti al sole | Contrassegnato , , | 4 commenti

Le mie (insormontabili) prigioni

Chi mi conosce sa a memoria cosa io pensi del mio lavoro; chi non mi conosce non fatica ad intuirlo: non ne ho mai fatto mistero con nessuno e mi capita sempre più spesso di ignorare volutamente le conseguenze del … Continua a leggere

Pubblicato in Avvitamenti mentali, Lavori forzati | Contrassegnato , , | 6 commenti

La prima impressione in genere è esatta. Ma va correttamente interpretata.

Tutte le volte che incontro quella donna, la vedo sempre trafelata, affannata, col fiatone o con una evidente ansia. Adesso so che è il suo stato normale. La prima volta che la incontrai, invece, non lo sapevo ancora, e scambiai … Continua a leggere

Pubblicato in Lavori forzati | Contrassegnato , , , | 4 commenti