Volti sotto la pioggia

sin-city-2005
Sin City (2005)

Nonostante io preferisca nettamente la bella stagione, non posso negare che certe giornate piovose, si rivelano assai favorevoli per riflettere un po’ e fare il punto su se stessi, su ciò che siamo, ciò che non siamo.
Cammino a piedi sulla strada che dal Tribunale mi porta alla fermata dell’autobus, cercando di scansare le pozzanghere, le buche, le parti di basolato che con la pioggia diventano scivolose; cercando di non colpire nessuno con l’ombrello e di non farlo impigliare tra i tendoni del mercato o le fronde della vegetazione che arreda la trattoria sul viale.
Continua a leggere “Volti sotto la pioggia”

Annunci

Al di qua della finestra

Fuori nevica, cosa parecchio insolita per le mie latitudini. L’aria è gelata, un freddo anch’esso inusuale, perché è il freddo secco della neve e qui siamo abituati a pioggia ed umidità. È sferzata da un vento tagliente, che incide la pelle e lascia una sensazione di nudità, come se oltre gli abiti portasse via anche i capelli.

Continua a leggere “Al di qua della finestra”

Impressioni da una mattinata

separazione 1896Il cancelliere chiama dei numeri in successione, lentamente.

Il corridoio al secondo piano del Palazzo di giustizia è gremito di gente, davanti all’aula delle separazioni. Molti passeggiano pensosamente nel corridoio, le panchine sono poche, non bastano a reggere la stanchezza di tante lunghissime attese.

Qualcuno parla, qualcun altro ascolta passivamente, un altro parla al telefono, più per allontanarsi almeno con la mente da quel corridoio.

Raccolgo le loro espressioni, annotandole nel mio taccuino immaginario. Ansia, rabbia, noia, stanchezza… a volte tutte quante insieme.

Continua a leggere “Impressioni da una mattinata”